IL CONVITTO E IL SEMICONVITTO

All’IIS Cecchi è annesso il Convitto Statale maschile, che ha una capacità di accoglienza di circa 46 studenti.

Inserito nello straordinario contesto naturalistico e architettonico di Villa Caprile, il Convitto è dotato di alloggi adibiti al pernottamento ubicati nel corpo centrale della struttura, in cui trova spazio anche un’ampia sala giochi. Attrezzature sportive come campo da basket, pallavolo e calcetto, sono situate poco distanti, immerse nel verde.  Fa parte del contesto una sala mensa con cucina annessa per la fruizione dei pasti, in funzione dal lunedì al sabato.

Il servizio convittuale consente ai suoi studenti di poter ricevere un valido supporto nello svolgimento dello studio pomeridiano attraverso la presenza costante del qualificato personale educativo. La biblioteca scolastica e la videoteca forniscono ulteriori strumenti per un proficuo lavoro di approfondimento.

Nell’offerta formativa scolastica dell’Istituto è presente da diversi anni anche il Semiconvitto, finalizzato al sostegno, potenziamento e approfondimento delle materie curricolari. Il servizio di semiconvitto, rivolto agli alunni della scuola, è svolto in continuità con quello didattico del mattino, dalle 14.30 alle 16.30. Il servizio, oltre all’organizzazione dello studio pomeridiano, è volto a promuovere i processi di crescita umana, civile e culturale degli allievi semiconvittori, che sono assistiti e guidati dal personale educativo nelle attività tutte.

Nel corso dell’anno, saranno attuate idee progettuali in collaborazione con docenti interni ed esperti esterni, che amplieranno e approfondiranno la proposta educativa.

Per informazioni rivolgersi al Referenti del Convitto  e Semiconvitto dal LUN al VEN dalle ore 10.30 alle ore 12.30

 FRANCESCO CORLIANO’ per il CONVITTO cell. 3402932115

VERONICA CIRILLO per il SEMICONVITTO cell. 3208670363

Nel video, magistralmente diretto da Francesco Corlianò, regista oltre che responsabile del Convitto,

vengono illustrati, in modo simpatico,  alcuni momenti della vita in convitto.

L’Istitutrice Fortuna Cirillo, responsabile del Semiconvitto illustra le finalità e le attività del Semiconvitto.

PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE del CONVITTO annesso all’I.I.S. “A. Cecchi” a.s. 2022/23 Il progetto educativo annuale del Convitto annesso dell’I.I.S. A. Cecchi, è funzionale all’identità del Convitto e Semiconvitto per delineare i motivi ispiratori comuni che ne stanno alla base. Destinatari del progetto educativo sono i Convittori, le famiglie, gli Istitutori, i Docenti, il Personale A.T.A. e il Dirigente Scolastico, ognuno con le proprie responsabilità e competenze. In questo orizzonte poniamo l’obiettivo prioritario di una significativa integrazione tra la Scuola e il Convitto valorizzando compiutamente le potenzialità dell’autonomia e gli spazi formativi propri di quest’area. Il Convitto nasce come struttura annessa all’Istituto Tecnico Agrario prima e all’I.I.S. poi, per assicurare supporto logistico agli studenti provenienti da aree diverse e lontane e a studenti vicini, ma che hanno necessità di aiuto scolastico, dando loro la possibilità di frequentare la scuola, assicurando il successo scolastico. Il Convitto è luogo che concorre alla formazione dello studente per una sua completa crescita emotiva ed affettiva, entrambe necessarie allo sviluppo della socialità. Modelli positivi, in ambienti rassicuranti, possono favorire un armonico sviluppo del “sé”. In questo quadro, gli Istitutori in stretta collaborazione con i Docenti e la famiglia, partecipano al progetto di crescita degli allievi. Il Convitto, annesso alla scuola, offre agli alunni convittori e semiconvittori, un supporto educativo e formativo non rigido, ma che adattandosi per quanto possibile alle varie situazioni, consenta una crescita individuale che tenga conto della storia personale e familiare dello studente. Fornire tempi e spazi all’ascolto dei bisogni dei giovani e stimolare con interventi la loro crescita è valido presupposto per tutte quelle attività che integrano l’ambito scolastico e curricolare. La finalità educativa sarà orientata alla ricerca: - del benessere psico-fisico; - delle relazioni; - dell’acquisizione di limiti e regole; - dell’acquisizione del senso di responsabilità; - del confronto con gli adulti; - dell’apprendimento; - dell’educazione alla salute. Nell’ambito cognitivo vogliamo promuovere e favorire l’acquisizione del concetto di adultità attraverso la responsabilizzazione nello svolgimento dei propri compiti, nell’organizzazione e programmazione del proprio lavoro utilizzando un metodo di studio efficace, nei percorsi di crescita personale, nel riconoscimento dei propri bisogni e nella capacità di posporre le proprie necessità in favore dell’altro; Per quanto riguarda l’area cognitiva si fa riferimento all’esperienza di “apprendimento mediatizzato” che tende a mettere in evidenza il ruolo giocato dalle emozioni nella elaborazione della conoscenza. In particolare essa si basa sul presupposto che l’intelligenza possa essere modificata e che qualsiasi proposta e stimolo possano arricchire l’allievo, purché esista una particolare forma di mediazione che lo aiuti ad elaborarli. Tutto questo per lo sviluppo di una flessibilità mentale, che serva ad imparare ad imparare in modo che si possa arrivare a gestire una realtà in cambiamento rinnovando gli schemi di riferimento. Nell’ambito socio-affettivo intendiamo perseguire la mediazione nella relazionalità individuale empatica: imparare a prendere il posto dell’altro, a comprendere i bisogni e le ragioni dell’altro, imparare ad accettare la vita e le esperienze altrui, a vivere in modo rispettoso dei limiti e delle regole, e imparare ad avvalersi delle attività proposte dal Convitto Per la gestione del gruppo si intende lavorare secondo l’idea che l’elemento collettivo non sia semplice aggregazione e non debba servire a fornire alibi comportamentali, ma al contrario che continui ad avere una forte valenza educativa, per rafforzare la responsabilizzazione che deriva dal senso di appartenenza La valutazione è ritenuta una componente essenziale della programmazione educativa nel caso che un obiettivo non venga raggiunto. Questo comporta l’analisi delle cause e la modifica della programmazione stessa nonché la progettazione di strategie e interventi di recupero. Metterà in luce i passi compiuti, gli ostacoli superati e quelli ancora da superare, al fine di indicare un percorso concreto e progettabile. La valutazione non sarà costruita sul negativo, tenderà a far emergere il passo compiuto, non l’errore: si aiuterà il convittore, soggetto attivo, ad affrontare in modo sereno i propri insuccessi e a superarli positivamente. 1) Accoglienza dei nuovi Convittori e strategie di interazione con le famiglie si pone l’obiettivo di conoscere fin da subito gli alunni Convittori delle classi prime, per supportarli nel nuovo ingresso alla vita comunitaria, attraverso attività strutturate, si darà modo ai ragazzi di raccontarsi, e in particolare raccontare anche del loro rapporto con la famiglia e con gli amici, facendo emergere la propria “essenza”. I nuovi Convittori verranno anche accompagnati nell’esplorazione e conoscenza dei luoghi scolastici. Si procederà, inoltre, con incontri/confronto con le famiglie che affiancheranno i propri figli, in modo da coinvolgerle attraverso queste attività, nella vita convittuale e anche in momenti di aggregazione ludico-ricreativa come già fatto in passato, per feste in occasione di eventi particolari. Nella fase di accoglienza si porrà l’attenzione anche sull’acquisizione del senso di responsabilità, delle regole e dei limiti della vita comunitaria nel rispetto del prossimo e dei locali e delle strutture convittuali. 2) Educazione alla salute L’attività vuole far acquisire conoscenza e consapevolezza nei Convittori che molte patologie insorgono a causa di scorrette abitudini alimentari e di abuso di sostanze che inducono dipendenza nell’uso, quali alcolici, fumo e sostanze psicotrope. 3) Educazione ambientale L’obiettivo è di rendere consapevoli i Convittori della complessità delle interazioni uomo-ambiente, orientando comportamenti e abitudini nel senso del rispetto del territorio naturale. Si prevedono escursioni nell’ambito della struttura convittuale e del Parco San Bartolo, di cui la Scuola fa parte, individuando gli spazi di interesse naturalistico, approfondendo la conoscenza dei luoghi e individuando interventi dannosi antropici. 4) Attività sportiva Il progetto vuole incentivare l’attività sportiva in quanto bisogno essenziale dell’adolescente nel percorso di formazione della personalità in funzione soggettiva e sociale, per migliorare gli aspetti negativi e incoraggiare quelli positivi, non mira a formare “campioni” delle specialità, ma a far acquisire una condotta di vita sana. Si terranno corsi di discipline come l’ultimate frisbee, gioco di squadra che non prevede contatto fisico, uscite di nordic-walking, corsa podistica, tiro con l’arco con frecce senza punta, torneo di calcetto inter-convittuale. Inoltre è in corso la realizzazione di un’area dedicata al calisthenic, in collaborazione con i Docenti di Educazione Motoria. Sono previsti anche sport agonistici in collaborazione con società sportive del territorio per i Convittori che vogliono continuare gli sport che praticavano a casa. 5) Area ludico-ricreativa Le attività ludico-ricreative rivestono una funzione importante per lo sviluppo delle funzioni simboliche di rassicurazione e compensazione della realtà e di espressione della personalità. Ai Convittori viene data libertà di scelta ludica, all’interno di un ventaglio di offerte che vanno dai classici calciobalilla e ping-pong, ai giochi di ruolo, videogiochi, attività di animazione teatrale, corsi di utilizzo di strumenti e produzione video. Le attività sono proposte e seguite dagli Istitutori, tenendo conto dei profili esperiti dagli alunni. 6) Area di potenziamento nello studio e integrazione Convittori con bisogni educativi speciali Oltre alle ore frontali dei gruppi studio pomeridiani, si attueranno strategie individuali e rivolte anche a diadi e triadi per superare problematiche educative speciali, affinando le metodiche di studio, indirizzando i Convittori all’acquisizione della strategia più consona al proprio profilo intellettivo, seguendo le indicazioni della teoria delle intelligenze multiple di Gardner e utilizzando tecniche mnemoniche. 7) Area di relazione nelle reti educative Nell’ambito delle interazioni con altre realtà educative all’interno della Regione Marche, ma anche a livello nazionale e Comunitario, il Convitto annesso all’I.I.S. A. Cecchi, promuove incontri e gemellaggi con altri Convitti e Istituti per aprire il confronto con realtà diverse e facilitare lo scambio di conoscenze sia dei Convittori che del Personale Educativo, finalizzati alla crescita umana, culturale e sociale.
John Doe
Designer